Alla ricerca di un lavoro #2 – Buon viaggio, CV!

Hai fatto un ottimo lavoro, lo sai?

Il tuo CV è pronto. Hai scritto tutte le tue informazioni personali, spiegato approfonditamente il tuo corso di studi all’Università e la tua tesi di laurea, hai scritto qualcosa a proposito di quel piccolo lavoro estivo (che non è molto ma è un inizio). Hai anche incluso la tua conoscenza delle lingue straniere e qualcosa il più nebuloso possibile a proposito delle tue capacità tecniche e relazionali. Alla fine hai controllato gli errori di grammatica e ortografia (cosa da fare sempre, perché nessuno chiamerebbe per un colloquio qualcuno che non sa neppure scrivere correttamente nella propria lingua).

Mentre scrivevi, ti sono venute in mente alcune idee. C’è quell’azienda, la conosci perché ci lavora tuo cugino, magari hanno bisogno di qualcuno. Poi puoi chiedere a tuo zio, è sempre in giro per lavoro, magari conosce altre aziende. Un amico ti ha parlato di un posto, non è così distante, devi assolutamente mandare loro il tuo CV.

Alla fine la tua risorsa migliore è la rete e non sto solo parando di internet. Se dobbiamo credere alla teoria dei sei gradi di separazione, prima o poi il tuo curriculum finirà nelle mani della persona giusta, nell’azienda giusta, al momento giusto. Vero? Vero.

Mettendo insieme le informazioni ottenute dalla tua famiglia, dalle conoscenze, da internet e quello che hai scoperto andando in giro alla ricerca di posti adatti, riesci a disegnare una mappa. Con quella mappa, puoi fare programmi e iniziare a consegnare i CV, con la speranza che almeno alcuni di essi non diventino carta straccia (a questo punto hai i piedi per terra a sufficienza da non credere che le aziende siano tutte lì, ad aspettare che tu ti manifesti con la tua mente brillante).

Durante questo viaggio, approderai a grandi compagnie, con più cancelli che Fort Knox e una enorme reception, e a piccole aziende in cui consegnerai il CV direttamente al capo. Incontrerai persone gentili che ti guarderanno con compassione e persone non così gentili che ti guarderanno con derisione per la tua causa persa. A casa navigherai in internet come un capitano coraggioso, cercando quelle stesse compagnie per vedere se hanno un contatto del tipo “lavora con noi” e manderai di nuovo il tuo curriculum. Tutte le strade devono essere percorse.

Tutto questo richiede un sacco di tempo e dedizione, dovrai spendere soldi per carta, inchiostro, benzina, perché la ricerca di un lavoro è già un lavoro in sé, ma un lavoro per cui non sei pagato e che il più delle volte provoca solo frustrazione. Comunque lo fai, perché un lavoro non pioverà giù dal cielo.

Ora che il tuo itinerario è completo, senti di aver fatto tutto quello che era in tuo potere fare, ma c’è un passo in più che puoi compiere: mettere te stesso e il tuo curriculum nelle mani di professionisti. Le agenzie di lavoro sono lì per fare quello che non puoi fare da solo, raggiungere posti e persone che non puoi raggiungere e aumentare le tue possibilità. Vero?

Vero?

[…continua…]

One thought on “Alla ricerca di un lavoro #2 – Buon viaggio, CV!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s