Trovare il tempo – I problemi dello scrittore #7

Se sei uno scrittore, sai che l’ispirazione arriva all’improvviso e senza dare avvisaglie. Magari sei sull’autobus, al lavoro, in chiesa. L’ispirazione non chiede il permesso, compare nella tua mente e non c’è niente che tu possa fare per fermarla.

Ci sono un sacco di cose che possono dare il via all’ispirazione: una conversazione sentita per caso, un paesaggio, un oggetto in una vetrina, il viso di un passante… o niente del tutto. E quando succede, le tue dita cominciano a desiderare una tastiera o un pezzo di carta e una penna.

Hai bisogno di scrivere! Devi annotare da qualche parte quell’idea incredibile prima che sia troppo tardi e l’impressione del momento sia svanita. Il bisogno che ti tormenta è quasi un dolore fisico.

L’incubo è che non sempre hai il tempo o l’opportunità per sfruttare quei momenti. Perché? In genere si mette in mezzo la vita.

Magari stai guidando e non è una buona idea lasciare il volante dell’auto per afferrare un bloc notes; magari sei al lavoro e il tuo capo non approverebbe una “pausa creativa”; magari stai chiacchierando con qualcuno che considererebbe maleducato il tuo fuggire via alla ricerca del tuo laptop.

Ma quella non è la situazione peggiore, perché puoi scrivere un paio di parole chiave su un foglietto, qualcosa che ti aiuti a ricordare la sensazione, e scrivere diffusamente più tardi.

La situazione peggiore è quando non hai tempo di scrivere immediatamente e sai che non ce l’avrai neanche più tardi, magari per giorni. Ecco… quello è il momento in cui è più difficile sopprimere il desiderio di scrivere immediatamente, senza curarsi di tutto il resto.

Ultimamente mi sono trovata spesso in questa situazione. Qualche settimana fa ho iniziato un lavoro temporaneo (più o meno due mesi) nella stessa azienda in cui ho già lavorato l’anno scorso. Sono felice di questo lavoro, perché stavo impazzendo a starmene a casa senza fare nulla, ma i miei nuovi orari lasciano poco tempo per la scrittura. D’altro canto, essere in un nuovo ambiente di laovoro, circondata da persone nuove, è qualcosa che fornisce un sacco di materiale alla mente di uno scrittore.

Per di più le mie ore libere (così come quelle di chiunque altro) sono piene di altre cose, come mangiare, dormire, andare in lavanderia, occuparmi dei lavori di ristrutturazione del nostro nuovo appartamento…

Ecco perché l’annosa domanda (esiste un modo per conciliare la scrittura e tutto il resto?) continua a rotolarmi nella mente. Probabilmente la risposta è sì, ci deve essere un modo.

Se riesco a scoprire qual’è, ve lo faccio sapere. Quindi… restate sintonizzati. Nel frattempo continuerò a scrivere un paragrafo qui e qualche frase lì, appena ho un paio di minuti.

___________________________________________________

Se ti interessa leggere altri post, non dimenticare di iscriverti alla mia mailing list e scarica la tua copia GRATUITA di “Odissea nel lavoro”!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s