Ho incrociato la strada di questa storia al Salone del Libro di Torino, l’anno passato, dove un’autrice dal sorriso amichevole e dalla personalità carismatica mi ha raccontato di un progetto di scrittura condivisa da un gruppo di donne.

Immobili ombre

Colpevolmente ho letto “Immobili ombre” di Rosaria Rizzo solo in questi primi giorni del 2016 . La stagione non è quella giusta, essendo ambientato in un’estate afosa e cocente, ma l’impressione della storia è stata ugualmente forte e intensa.
La prima pagina e mezza di questa storia è così piena di pensieri profondi e immagini forti, che ho dovuto leggerla due volte. La prima per capirla, la seconda per apprezzarla. Serve quella pagina e mezza per adattarsi allo stile dell’autrice, ricercato e forse a tratti un po’ contorto, ma molto adatto a far trasparire la potenza di questa storia dalle pagine.
I tratti della storia ambientati ai giorni nostri servono da cornice e da filo conduttore per tutta una serie di vicende del passato, che si compongono come quadri in un museo, distinte ma collegate in un unico intreccio.
Le immagini sono vivide, le storie crude e senza fronzoli, le conversazioni a volte un po’ artificiose ma mai superflue per la storia. Immobili ombre racconta di un percorso interiore di ri-scoperta di un’identità, ma il ritmo è incalzante come quello di un giallo, in cui gli indizi vengono svelati e i misteri risolti poco a poco per puntare in un’unica direzione.
Non potrei essere più contenta di aver incontrato questa storia, che mi ha fatto venire voglia di scavare nelle vecchie scatole di foto in bianco e nero a mettere mano alla penna per raccogliere storie che rischiano di essere perse nel tempo.

Immobili ombre di Rosaria Rizzo

2 thoughts on “Intrecci di memorie #amreading

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s